LEONARDESCA – Omaggio a Leonardo nel Cinquecentenario

56582264_1019578774905761_2385479425232732160_o

In occasione del 500 ° anniversario della morte di Leonardo Da Vinci, l’ Associazione Art Commission in collaborazione con il Museo di Sant’Agostino di Genova, presenta la mostra d’arte contemporanea LEONARDESCA.
La mostra curata da Virginia Monteverde con la presentazione critica di Lorenzo Mortara, sarà inaugurata sabato 27 aprile alle 17.00 e rimarrà allestita fino 31 maggio 2019, al Museo di Sant’Agostino. Da giugno la mostra si sposterà in Polonia ospitata all’interno del Castello dei Duchi di Pomerania di Stettino.

In mostra le opere di 19 artisti:
Gianluca Capozzi, Luisella Carretta, Georgia Fambris, Loredana Galante, Armida Gandini, Carla Iacono, Kiki Kolympari, Ilaria Margutti, Maurizio Melis, Viviana Milan, Nikos Moschos, Mimmo Padovano, Angelo Pretolani, Davide Ragazzi, Roberto Rossini, Renata Soro, Vania Elettra Tam, Christian Zanotto, Leszek Zebrowski

“La forza in lui fu molta e congiunta con la destrezza,
l’animo e ‘l valore, sempre regio e magnanimo.
E la fama del suo nome tanto s’allargò, che
non solo nel suo tempo fu tenuto in pregio, ma pervenne
ancora molto più ne’ posteri dopo la morte sua.”
Giorgio Vasari – Le Vite – Biografia di Leonardo Da Vinci

Cogliere gli spunti che il più grande Genio della storia dell’umanità ha disseminato nelle sue opere e interpretarli attraverso i linguaggi artistici del contemporaneo, è questo l’invito che Art Commission ha rivolto agli artisti della mostra collettiva LEONARDESCA.

Per Leonardo Da Vinci il pittore era lo scienziato della natura, egli infatti considerava il linguaggio della pittura l’unico capace di restituire la realtà fenomenica.
Oggi gli artisti contemporanei si confrontano con realtà diverse e parallele, con mondi visibili e invisibili, in un contesto in continua trasformazione.
I nuovi linguaggi dell’arte contemporanea saranno in grado di restituire il nostro tempo?

L’obiettivo della mostra LEONARDESCA è dare una possibile risposta a questo quesito, prendendo spunto e ispirazione dal pensiero e dalle opere di Leonardo, precursore dei tempi per antonomasia.